10 sbagli che ti impediscono di fatturare di più

10 sbagli che ti impediscono di fatturare di più

Nel mio blog cerco sempre di trattare argomenti che siano propositivi e che abbiano come scopo principale quello di fornire una strategia vincente per gestire la tua impresa con successo. Oggi, invece, voglio concentrarmi su ciò che un imprenditore NON deve fare. Nello specifico, voglio analizzare 10 sbagli (peraltro molto comuni fra gli imprenditori di PMI) che ti impediscono di fatturare di più. Proprio così, perché molti imprenditori come te partono spesso dal presupposto di essere sempre “nel giusto”, o, peggio ancora, si affidano a qualche fantomatico marketing guru, nato con i social media, che spilla loro fior fior di quattrini. Alla fine però, quello che ne risulta è un’impresa fallimentare, senza prospettive di crescita e che non riesce ad incrementare il proprio fatturato.

Perché accade tutto questo? Devi sapere che per essere in grado di riconoscere i propri sbagli ed imparare da essi bisogna prima di tutto lavorare su se stessi. Ogni imprenditore incontra innumerevoli sfide nel corso della propria attività ed è normale commettere errori, non c’è nulla di cui vergognarsi! Capire cosa c’è che non va ed affidarsi al consulente giusto è un atto di umiltà, ma rappresenta in quasi tutti gli scenari l’unica soluzione corretta per proseguire nella giusta direzione. Solo così potrai far ripartire la tua impresa e portarla al successo! Continua a leggere e scopri i 10 sbagli che ti impediscono di fatturare di più (e come evitarli)!

1) CONCENTRARSI SOLO SUL FATTURATO

Penserai che io sia contraddittorio se ti dico che pensare al fatturato sia uno sbaglio, quando è proprio il fatturato che vorresti incrementare. Tuttavia, chi mi segue e mi conosce, ha imparato che, per incrementare il fatturato, ci sono innumerevoli fattori che giocano a favore e sfavore e di cui bisogna tenere conto. Concentrarsi solo sul fatturato quando lo si vuole incrementare è come cercare di raggiungere il traguardo, pensando solo ad esso e non all’allenamento che serve per raggiungerlo! Per far lievitare il fatturato devi elaborare ed implementare, prima di tutto, una strategia di marketing corretta. Inoltre, devi pensare alla tua impresa come ad un organismo e correggere o migliorare ciò che non funziona.

Come sta la tua impresa? Scoprilo con una diagnosi aziendale su misura!

2) PENSARE DI ESSERE I MIGLIORI (E NON GUARDARE LA CONCORRENZA) 

Qualche tempo fa ho dedicato, proprio nel mio blog, un articolo intero alla concorrenza e a quanto sia importante imparare da chi è “meglio di noi”. Nella mia esperienza decennale di marketing coach mi è capitato di intergire con imprenditori che non facevano altro che ripetermi che “loro non commettevano errori”, che “erano i migliori”… neanche uno che pensasse di poter apprendere dai propri competitor! Non ti dico che fatica per fargli cambiare idea! Per fortuna, grazie al mio aiuto, adesso sono leader nel loro settore. L’errore di avere i paraocchi e non studiare i propri concorrenti e le nuove imprese più all’avanguardia è, ahimè, molto comune nel nostro paese, soprattutto nelle PMI “vecchio stampo”. Perché pensare di essere i migliori non ti fa fatturare di più? Perché rischi di rimanere in una bolla e di perdere di vista ciò che sta succedendo attorno a te. Un’impresa per esistere deve evolversi e migliorarsi continuamente. Per fare questo bisogna sempre mettersi in gioco e in discussione, imparando i trucchetti da chi ha raggiunto il successo prima di noi.

3) PREFIGGERSI OBIETTIVI IRRAGGIUNGIBILI

Che si tratti di budget, comunicazione, fatturato o partnership, sono sicuro che anche a te sarà capitato di prefiggerti obiettivi irraggiungibili. Quanti progetti o collaborazioni avviate e promettenti si sono rivelate alla fine dei conti un buco nell’acqua? Tante, forse troppe. Nel nostro paese gli imprenditori spesso dimenticano che stabilire obiettivi elevati è rischioso. Molto frequentemente infatti, sono proprio i target fuori portata a decretare il fallimento di un’azienda. Gli obiettivi vanno SEMPRE elaborati secondo determinati parametri e vanno calibrati in base all’attività, alla struttura e alle finalità di un’impresa! Pensare ad esempio di incrementare il proprio fatturato investendo massicciamente ed in breve tempo in comunicazione online, ma senza una continuità nel tempo, è pressoché inutile. Purtroppo però, anche questo errore è sempre più comune tra le aziende che si affacciano nel mondo digital. E non solo.

4) NON INVESTIRE IN FORMAZIONE 

Una cosa che non sopporto è l’imprenditore che pensa che investire in formazione sia una perdita di tempo e di denaro. Molti imprenditori di PMI sono, purtroppo, ancora legati all’idea che formare i propri dipendenti, oltre che se stessi, non serva a fatturare di più. Sbagliato! La formazione è necessaria per far progredire un’impresa. Per incrementare gli introiti bisogna costantemente essere aggiornati sui trend del mercato, sulle nuove tecnologie e sui progressi compiuti all’interno e all’esterno del proprio settore. Che si tratti di un negozio, di uno studio tecnico o di un’azienda manifatturiera, la formazione deve essere una priorità. Ti spiego perché: la mancanza di formazione ti lascia indietro, nel vero senso della parola. Senza formazione hai meno occasione di fare networking, non ti evolvi e ti trovi fermo e statico, come un’auto che non ha più carburante!

5) IGNORARE LE ESIGENZE DEL MERCATO

Ignorare le esigenze del mercato è un po’ come snobbare la formazione: un grave, ma diffusissimo errore! Mettere la testa sotto la sabbia non serve a nulla, soprattutto quando si tratta delle esigenze e delle tendenze legate al mercato o al proprio target di clientela. Sembra assurdo, ma molte PMI nostrane tendono a sottovalutare questo aspetto e non pensano che un’indagine di mercato possa, ad esempio, fornire nuove prospettive e informazioni. Lanciare prodotti o servizi senza capire quello che il mercato vuole è inutile e controproducente. Quante risorse sprecate e soldi persi per aver ignorato la realtà delle cose! Mi rendo conto che non sia facile fare previsioni, ma non venitemi a dire che non si possa evitare questo errore. Dalle consulenze, alle indagini di mercato, fino ai social media ed ai marketing coach, vi sono sempre più strumenti al servizio degli imprenditori. Ignorarli è il vero errore!

6) NON IMPLEMENTARE UNA CORRETTA STRATEGIA DI MARKETING (O PENSARE CHE SIA INUTILE)

Questo punto mi sta molto a cuore, non tanto perché io sia il marketing coach di numerose aziende di successo, quanto perché l’ho sperimentato sulla mia pelle. Ti parlo da imprenditore ad imprenditore quando dico che implementare una corretta strategia di marketing è necessaria, non solo per fatturare di più, ma anche per decretare il successo della tua impresa.

A 19 anni gestivo una rete di vendita diretta di oltre 200 persone e creavo un marchio di abbigliamento. Fin qui tutto bene, ma poi, senza una corretta strategia di marketing stavo per perdere tutto. È così che mi sono rimboccato le maniche e, studiando con i migliori formatori di marketing al mondo sono diventato ciò che sono ora: un vero marketing coach, affidabile e molto richiesto.

La tua azienda ha bisogno di una strategia di marketing studiata su misura per te. Contattami e parlami dei tuoi obiettivi!

7) NON GRATIFICARE I PROPRI COLLABORATORI

Per analizzare questo errore vorrei partire da un detto africano, che si adatta anche a molti altri ambiti della vita: “if you want to go fast, go alone. If you want to go far, go together” (per riassumere il concetto: se vuoi andare veloce, vai da solo, ma se vuoi fare strada devi fare squadra!).

A meno che la tua non sia un’azienda a socio unico, senza dipendenti o soci, i collaboratori, ma soprattutto, i buoni collaboratori, sono essenziali per avere un’impresa di successo. Come il detto sopra ci ricorda, per andare lontano (e fatturare di più), una realtà imprenditoriale non può pensare di non gratificare i propri dipendenti e collaboratori o, peggio ancora, non riconoscere il loro lavoro. Senza di essi, infatti, l’impresa non avrebbe ragione d’esistere. Lavorare in un ambiente sereno e gratificante equivale ad avere un lavoro proficuo e ben fatto. Purtroppo, in Italia è una pratica diffusa dare per scontato il lavoro: un errore molto grave e che denota la miopia dell’imprenditore che la esercita.

8) FISSARE PREZZI SBAGLIATI E FUORI MERCATO

Finora ho parlato degli errori, per così dire, strategici e di condotta legati all’ambiente imprenditoriale. Ora vorrei concentrarmi sull’aspetto pratico, legato al fatturato in senso stretto e trattare un altro comune errore: i prezzi! Puoi anche aver azzeccato tutti i punti precedenti, ma se poi sbagli i prezzi e il loro posizionamento sul mercato… sei spacciato! Non voglio dilungarmi ora su come fissare i prezzi giusti (per quello ti consiglio di scrivermi e di seguire costantemente il mio blog), ma ci tengo a sottolineare che la politica di prezzi deve essere ben studiata. Molti imprenditori tendono a fissare un pricing poco concorrenziale, senza una strategia chiara alla base e senza adeguarli in corso d’opera in base al trend del mercato. Questo perché rimangono fissi sulle loro convinzioni e non hanno la flessibilità necessaria per adattarsi alle fluttuazioni del proprio settore.

9) FARE TUTTO DA SOLI

Il tipico imprenditore italiano di qualche anno fa portava sempre con fierezza il vessillo del “mi sono fatto da solo” e “non mi ha aiutato nessuno”. Messaggi onorevoli e che molti imprenditori tuttora condividono. Io stesso posso dire di aver raggiunto con le mie gambe il successo. Tuttavia in un’epoca in cui essere tuttologi va di moda, pensare di esserlo veramente è un gravissimo errore. Internet dà, ahimè, risalto a chi pensa di sapere tutto e vuole insegnare, senza avere, effettivamente, maturato l’esperienza per farlo. Mi rivolgo quindi a te, caro imprenditore, per farti comprendere che nessuno vuole mettere in discussione la tua bravura, ma pensare di riuscire a fare tutto da soli è sbagliato e può portarti a commettere errori ancora più gravi. (Per capire di cosa sto parlando passa al punto 10.)

10) NON AVVALERSI DEI GIUSTI CONSULENTI

Mi aggancio all’errore precedente per farti capire meglio di cosa sto parlando. Le imprese di oggi devono affrontare sempre più di frequentemente sfide e cambiamenti repentini. Per quanto possa essere abile, un imprenditore non sempre possiede gli strumenti e le conoscenze giuste per saper rispondere correttamente e velocemente ai problemi attuali. Per questo motivo è necessario avvalersi dei giusti consulenti di marketing e non solo, che ti guidino nella direzione giusta. Purtroppo, come ho detto sopra, i tranelli sono dietro l’angolo e tanti, troppi, imprenditori onesti come te rischiano di finire nella rete di qualche falso consulente.

Per non commettere errori e far fruttare il tuo business, leggi il mio articolo su chi è un vero consulente marketing strategico e continua a seguire il mio blog!

Hai Dubbi o Domande?

Call

Sei un Imprenditore?

Hai mai pensato di effettuare una DIAGNOSI AZIENDALE®?

Clicca ora sul pulsante per ricevere maggiori informazioni e schedulare la tua sessione.

Categorie

Articoli Recenti

Hai Dubbi o Domande?

Call

Sei un Imprenditore?

Conosci il sistema che utilizzano le aziende per crescere velocemente?

Accedi ora GRATIS al WORKSHOP PMI SYSTEM

    Torna in alto