10 tecniche di coaching aziendale a cui ispirarsi

10 tecniche di coaching aziendale a cui ispirarsi

Torniamo ancora una volta a parlare di coaching aziendale, e nella fattispecie di tecniche a cui ispirarsi per attuare un lavoro di coaching a regola d’arte in un mercato sempre più agguerrito e competitivo. Le difficoltà, come ben sai, sono all’ordine del giorno, è importante quindi elaborare un strategia all’altezza, evitando di procedere a tentoni. Le tecniche di coaching aziendale da me selezionate, dieci in totale, non sono altro che esercizi e approcci utili per affrontare (e vincere) le sfide quotidiane tipiche di un business medio-grande. Desideri saperne di più? Procediamo allora, prima però, ti chiedo come sempre di ricambiare i miei sforzi con un semplice clic sui tasti di condivisione che trovi di seguito. Pochi secondi e potrai contribuire alla diffusione di contenuti di qualità nel web.

Grazie del tuo aiuto, possiamo ora iniziare dallaprima delle dieci tecniche di coaching aziendalea cui ispirarsi per ottenere il massimo. Se hai dubbi o curiosità non esitare: risponderò più che volentieri a ogni commento e richiesta!

1) LA TECNICA DEL GOAL SMART

Le impostazioni degli obiettivi SMART (dall’inglese Specific, Measurable, Attainable, Relevant and Time-Based) devono essere Specifiche, Misurabili, Raggiungibili, Rilevanti e Basate sul tempo. Ogni obiettivo è abbinato a elementi chiari e verificabili invece che a risoluzioni vaghe. L’obiettivo generale “Voglio far crescere la mia attività”, ad esempio, sarà descritto in termini molto più dettagliati e orientati all’azione. L’obiettivo SMART corrispondente potrebbe essere il seguente: troverò cinque nuovi clienti entro questo mese creando due articoli nel blog e condividendoli nei miei social media. Questo mi consentirà di aumentare le mie entrate di tot euro nell’arco di tot giorni. Scrivere nero su bianco un simile piano d’azione è un passo fondamentale verso una maggiore consapevolezza dei propri limiti e delle proprie risorse.

2) IL POTERE DELLA SCRITTURA

Come ho appena scritto, annotare piani e obiettivi è il primo passo per renderli reali. Motiva i tuoi clienti e spingili all’azione.La scrittura è perfetta per aiutare i clientia riconoscere i loro progressi ed esprimere sentimenti o pensieri. Gli obiettivi diventano visibili e viene avviato un dialogo interiore proficuo per tutti. La scrittura migliora la capacità di osservazione e concentrazione, e funge inoltre da catalizzatore addirittura per quanto riguarda il miglioramento dell’umore e la riduzione dei livelli di stress. Uno studio condotto su due gruppi ha dimostrato che le persone che scrivono i propri obiettivi e preparano una relazione sui progressi settimanali raggiungono i loro traguardi nel 76% dei casi, mentre i partecipanti del gruppo che non hanno scritto nulla hanno raggiunto i loro goal solo nel 36% dei casi. Una differenza enorme!

3) IL METODO DELLE “3 C”

Coaching e imprenditorialità possono diventare a lungo andare un viaggio solitario. Tuttavia, se imparerai come comunicare, collaborare e creare insieme ai tuoi dipendenti e soci, potrai toglierti senz’altro molte più soddisfazioni. Ogni individuo ha il potenziale per lavorare con altre persone, ciascuna con il proprio background, simile o diverso. Credo molto nella collaborazione e non mi stancherò mai di ripeterlo: collaborare insieme su un progetto è necessario per creare qualcosa di nuovo! Prova a considerare la concorrenza come una potenziale collaborazione per la futura crescita collettiva della tua azienda e scoprirai, ad esempio, che Amazon e la GDO non sono nemici da combattere, ma potenziali alleati da avere al proprio fianco. Eccoti un mio video significativo dove parlo di questi argomenti:

4) LA TECNICA DEI COMPITI A CASA

Non importa se li chiami compiti, fogli di lavoro, questionari o altro. Tutti questi mezzi supportano il lavoro che hai svolto in una sessione di coaching, aiutano inoltre i clienti a riflettere, agire e raggiungere traguardi necessari a concretizzare il loro obiettivo più importante. I compiti aiutano a vederese e come vengono applicati i piani di ogni sessione. Aiutano i clienti a mantenere l’attenzione sui loro piani, sulle loro idee e sui loro obiettivi. I tuoi clienti ottengono di conseguenza una linea guida per applicare gli insegnamenti del tuo coaching nella vita reale. I clienti riescono inoltre ad assumersi le proprie responsabilità durante il processo di coaching e la vita in generale. Assegnati con una data di scadenza e con uno o più promemoria automatici, i compiti rafforzano in definitiva la responsabilità del cliente. Semplici compiti a casa diventano così uno strumento potentissimo negli affari come nel life coaching.

5) IL MODELLO G.R.O.W.

Gli americani, si sa, sono maestri di sigle e acronimi, e anche qui abbiamo una parola che ne sottende in realtà altre. Il modello GROW è un metodo sempliceper l’impostazione degli obiettivi e la risoluzione dei problemi nel coaching. Include le seguenti fasi, ciascuna corrispondente a una lettera:

– G sta per obiettivo (goal): l’obiettivo è ciò che il cliente desidera realizzare. Dovrebbe essere definito il più chiaro possibile. Potresti combinarlo con il metodo SMART descritto in precedenza.
– R sta per realtà: questo è lo status quo, dove il nostro cliente si trova in questo momento. Il cliente descrive la sua situazione attuale e quanto è distante dal suo obiettivo.

– O sta per ostacoli e opzioni: quali sono gli ostacoli (blocchi stradali) che impediscono al cliente di raggiungere l’obiettivo? Una volta identificati questi ostacoli, puoi trovare i modi per superarli (le opzioni).

– W sta per Way forward: una volta identificate le opzioni, queste devono essere convertite in azioni che porteranno il cliente a raggiungere il suo obiettivo.

6) TECNICA DI COACHING POSITIVO (OBIETTIVO RAGGIUNTO)

Questa tecnica prevede che tu chieda al tuo cliente di descrivere esattamente un giorno perfetto una volta raggiunto l’obiettivo desiderato. Non dovrebbe essere solo una descrizione vaga, ma un’intera giornata dall’inizio alla fine. Come si sentiva dopo essersi svegliato? Cosa ha mangiato quel giorno? Quali persone ha incontrato? Questa tecnica incoraggerà il cliente a usare la sua immaginazione positivae a visualizzare ciò che desidera veramente. Successivamente, puoi lavorare insieme al cliente per realizzare uno a uno i passaggi necessari all’elaborazione di quel piccolo, grande “miracolo”. Me ne sono accorto in anni di coaching aziendale: non c’è niente di più potente di una mentalità positiva!

7) IL GIORNALE DEI PROGRESSI

Un regolare diario di progresso e riflessione aiuta i tuoi clienti a sviluppare e acquisire consapevolezza di sé. I tuoi clienti possono scrivere le loro emozioni, esperienze, osservazioni, sfide, successi (e insuccessi), pensieri, sentimenti. Non devono aspettare i prossimi incontri o appuntamenti di coaching, ma possono condividere ciò che hanno in mente proprio nel momento in cui accade. Un diario condiviso dà ai tuoi clienti la sensazione di essere sempre lì per loro e di “ascoltare” senza bisogno della tua presenza. Possono scrivere ogni volta che ne hanno voglia – di notte, al mattino, durante il giorno, alla stazione ferroviaria sulla strada per il loro posto di lavoro o mentre aspettano dal dottore. Un diario di coaching dà loro la capacità di concentrarsi su se stessisenza alcuna pressione o distrazione. Una volta annotate, le singole voci possono essere rilette in una fase successiva.

8) LA CLASSICA TO-DO-LIST

Come avrai capito, il coaching aziendale funziona nella misura in cui definisce ciò che tende a rimanere vago e indistinto. Una lista di cose da fare condivise (o to-do-list) rappresenta in questo senso un’ottima tecnica di coaching applicabile in qualunque ambito di business. Una volta che i clienti scrivono e condividono queste cose da fare con te, in realtà le stanno già mettendo in pratica. Diventano come un contratto tra te e il cliente e questo rafforza la responsabilità reciproca. Un altro vantaggio della to-do-list è che entrambe le parti sanno cosa viene fatto e cosa non viene fatto in qualsiasi momento. Puoi vedere subito dove procrastinare e quando invece è necessario il tuo sostegno. L’elenco delle cose da fare condiviso mi ha aiutato a stabilire priorità, a raggiungere traguardi più in fretta e a tenere traccia delle piccole vittorie durante le mie consulenze di coaching.

9) LA VALUTAZIONE DI PAURA / CHIAREZZA

Nel mio lavoro utilizzo uno strumento di valutazione che mostra al cliente (sulla carta) quanta paura sta guidando la sua vita. È una tecnica valida con moltissime persone, considerando che circa il 95% del comportamento dell’essere umano è guidato dalla cosiddetta programmazione subconscia, il che significa che la reazione emotiva vale più della scelta consapevole. Se vuoi cambiare il tuo comportamento, devi prima diventare consapevole delle tue pulsioni subconsce. Sviluppata questa capacità, o quantomeno esercitata, saprai quando e come orientare le tue decisioni in modo razionale, al di là delle passioni e delle paure. A questo link trovi un ottimo libro che ti consiglio di leggere, intitolato Programmazione Subconscia per Potenziare Apprendimento e Memoria Dormendo.

10) VELOCIZZA LE TUE MOSSE

Il business coach è un ambito in rapidissimo e continuo sviluppo. Difficile adottare strategiche e tecniche basate sulla lentezza e la discontinuità. Come allenatore e imprenditore, utilizza tutta la tecnologia che hai a disposizione per comunicare con i tuoi clienti. Facebook, Messenger, WhatsApp, sono tutte soluzioni all’altezza degli standard moderni per fare “check-in” veloci tra una telefonata e una riunione di lavoro. Elimina le email molto lunghe: non le legge nessunoe ti fanno solo perdere tempo. Sii diretto, vai dritto al punto e conquista il tuo mercato sfruttando la velocità delle attuali tecnologie digitali, su PC, tablet e ovviamente smartphone. 

Vuoi saperne di più? Iscriviti al mio corso gratuito PMI System!

Hai Dubbi o Domande?

Call

Sei un Imprenditore?

Hai mai pensato di effettuare una DIAGNOSI AZIENDALE®?

Clicca ora sul pulsante per ricevere maggiori informazioni e schedulare la tua sessione.

Categorie

Articoli Recenti

Hai Dubbi o Domande?

Call

Sei un Imprenditore?

Conosci il sistema che utilizzano le aziende per crescere velocemente?

Accedi ora GRATIS al WORKSHOP PMI SYSTEM

    Torna in alto