HOME CHI SONO BLOG CORSI DIAGNOSI AZIENDALE C O N T A T T A M I Login

Creare aspettativa nel marketing: 7 idee per l'effetto suspense

Bentornato nel mio blog, caro imprenditore o aspirante tale. L'argomento di oggi riguarda la pubblicità, e in particolare le tecniche per creare aspettativa nel marketing digitale e non solo. Come puoi immaginare, creare aspettativa nel marketing è una strategia vincente in tantissimi scenari: prima del lancio di un prodotto, prima dell'apertura di un ecommerce, in vista della partecipazione a una fiera di settore o altro genere di evento... non tutti i sistemi sono però altrettanto validi. Alcuni funzionano meglio, altri sono deboli o peggio superati. Come marketing coach voglio illustrarti alcune idee per creare la giusta dose di suspense. Prima però, se sei d'accordo, ti chiedo una condivisione veloce di questo articolo nei tuoi profili social. Ti va di ricambiare il frutto del mio lavoro a costo zero?

Bene allora, cominciamo. In questo articolo scoprirai 7 idee infallibili per creare aspettativa nel marketing e aumentare l'effetto suspense senza per forza investire un patrimonio. Iniziamo dalla prima idea basata sul coinvolgimento di influencer e testimonial 2.0.

1) INGAGGIARE TESTIMONIAL E COLLABORARE CON LORO

I testimonial sono una risorsa preziosa per il tuo business. Che siano blogger, youtuber, personalità influenti su Instagram o smanettoni di podcast non importa: puoi entrare in contatto con loro e cercare di instaurare un rapporto di collaborazione coerente con il tuo progetto di marketing. Sfrutterai così i loro canali, dalla pagina Facebook alla newsletter, e potrai moltiplicare l'aspettativa intorno a un determinato prodotto, servizio o appuntamento all'orizzonte. Ognuno di loro potrebbe parlare di un aspetto peculiare di ciò che intendi lanciare, con un certo anticipo rispetto al lancio. Ammettendo di partire due mesi prima (non oltre perché altrimenti l'interesse va a scemare), potresti coinvolgere tre blogger: il primo andrà a creare una promo video su Youtube, il secondo pubblicherà su Instagram una serie di immagini del prodotto, senza dare spiegazioni, il terzo registrerà un podcast che verrà diffuso agli iscritti. Tutti e tre useranno un hastag condiviso, ad esempio #rivoluzionemamma o #latuaprossimavacanza. Se la campagna sarà ben coordinata, i testimonial riusciranno a creare un livello di suspance tale da spingere il pubblico a chiedere informazioni o pre-acquistare il prodotto / servizio. Qui un esempio di articolo per presentare il format The Gira, società di Milano che offre viaggi in ape calessino.

2) CREARE UNO STORYTELLING NARRATIVO EFFICACE

La seconda idea per creare aspettativa nel marketing, è simile alla precedente, ma può essere attuata se e solo se hai già un discreto seguito sui tuoi canali (Facebook, Instagram, Youtube e così via). Si tratta né più né meno di iniziare a parlare di ciò che intendi promuovere,senza rivelare più informazioni del necessario. Ipotizziamo che tu gestisca un centro fitness e voglia rilanciare la tua palestra in occasione della prossima stagione. Potresti scattare ogni lunedì una fotografia di un particolare della palestra, invitando il tuo pubblico a indovinare di che cosa si tratta (un macchinario, la nuova sauna, la vista sull'esterno dalla finestra...). Gli utenti del web amano essere interpellati e uno storytelling come questo ti permetterà di stimolare la loro curiosità e alimentare settimana dopo settimana il passaparola online. Anche qui ricordati di scegliere un hastag valido, in modo che ogni volta che qualcuno ci clicca sopra possa rivedere i precedenti post e aggiornamenti sullo stesso tema. L'indovinello è solo un'idea fra le tante, ma potrebbe essere una citazione inerente al prodotto / servizio o qualunque altro escamotage adeguato.

3) PUBBLICARE UNA GUIDA ONLINE E AVVIARE UN FUNNEL

Questa tecnica è più elaborata delle precedenti ma presenta un grado di coinvolgimento maggiore. La creazione dell'aspettativa avviene in due fasi distinte, o meglio, con due strumenti differenti. In un primo momento andremo a pubblicare una guida gratuita da offrire in download ai visitatori del sito, del blog o dell'ecommerce. Per scaricarla, i visitatori dovranno lasciare il proprio indirizzo email e nominativo. La guida parlerà di un argomento affine alla tua attività: se sei un ristoratore, potresti pubblicare un breve ebook su come abbinare il vino con primi e secondi piatti di terra e di mare, o di come scegliere un menu perfetto per i tuoi bambini. A questo punto, registrata l'email dell'utente, quest'ultimo, già incuriosito dalla lettura dell'ebook, inizierà a ricevere una serie di email che lo avvisano di un'importante iniziativa in programma per il Natale, la settimana di Pasqua o le ferie estive, a seconda di quale periodo ritieni di voler promuovere. È chiaro che sto parlando di creare aspettativa in un ambito ben preciso, quello della ristorazione, ma se vogliamo estendere il meccanismo possiamo farlo in qualsiasi campo, dal turismo al wellness passando per la cosmetica, l'informatica e via discorrendo. Eccoti un esempio di guida ebook del comune di Carpi.

4) REALIZZARE UN TRAILER VIDEO E SPONSORIZZARLO

Che cosa fanno le case cinematografiche e i filmaker indipendenti quando devono lanciare un'opera audiovisiva e creare suspance? Semplice: realizzano un trailer e lo diffondono nel web, in televisione e alla radio. Non ti chiedo di ragionare così in grande, ma è ovvio che se il tuo prodotto o servizio si presta al racconto visual, l'idea di elaborare un trailer e promuoverlo potrebbe tornarti molto, molto utile. Se non hai canali abbastanza popolati, puoi sempre sfruttare il pay-per-clic, ovvero le opzioni di sponsorizzazione offerte da Google, Facebook, Youtube e non solo. In questo modo il tuo trailer, a fronte di un piccolo pagamento per qualche mese, sarà visualizzato da migliaia di persone, e se sarai fortunato potrà perfino diventare virale, raggiungendo così un pubblico ancora più ampio. Questa idea può essere potenziata grazie al contributo ulteriore di testimonial, portali, riviste di settore e altre realtà con una propria audience in target. Eccoti un book trailer da cui prendere spunto:

5) RACCOGLIERE ADESIONI TRAMITE LANDING PAGE

La creazione dell'aspettativa è un processo subdolo, di cui l'utente, a volte, è del tutto inconsapevole. All'opposto delle prime idee che ti ho spiegato, ce ne sono altre come questa del punto cinque, focalizzata su approcci meno diretti quali appunto la raccolta di adesioni tramite landing page. Che cos'è una landing page? Una landing page è una “pagina di atterraggio” strutturata in modo da accogliere l'utente e spiegargli per filo e per segno che cosa succederà se compilerà il form, invierà una richiesta di contatto o lascerà il proprio indirizzo email. Questo stratagemma può essere valido ad esempio per sondare il terreno offrendo sconti o prezzi ridotti in anticipo sulla vendita del prodotto (come avviene spesso nelle raccolte fondi per finanziare una start up). Gli utenti non solo saranno più motivati a comprare, ma verranno anche aggiornati sull'evoluzione dell'iniziativa, per cui data di lancio, versioni del prodotto, eventi celebrativi ecc ecc. Se ci pensi Groupon, celebre portale di scontistica, fa esattamente questo: per ogni servizio in vendita crea la giusta aspettativa grazie a landing page curate dal punto di vista grafico e testuale.

6) CREARE ASPETTATIVA CON IL GUERRILLA MARKETING

Il guerrilla marketing è un'altra idea fantastica per chi desidera sfruttare il potere del marketing offline, anche senza un sito web o un seguito sui social network. Il guerrilla marketing è indicato non a caso per negozi, centri sportivi e aziende radicate sul territorio: è proprio sulla strada e sulle piazze che si svolgono le azioni di guerrilla per suscitare suspance e interesse. Ammettiamo ad esempio che tu gestisca una libreria o un negozio di scarpe. Potresti incollare i libri con il nome della tua libreria in giro per il quartiere, o appendere le scarpe a pali e insegne lungo la via principale con l'etichetta del negozio. Non occorre dare spiegazioni, ciò che conta è che l'azione sia riconducibile in qualche modo al tuo esercizio commerciale. Considera che iniziative del genere possono darti visibilità anche agli occhi della stampa locale o di magazine online che raccontano la tua città: non capita tutti i giorni di vedere libri seminati in giro e scarpe appese qua e là!

7) EFFETTUARE UN SONDAGGIO VIA SOCIAL O SITO WEB

L'ultima idea da considerare si chiama sondaggio, altro sistema “sicuro” per destare la curiosità del pubblico e indirizzarlo verso la tua proposta di prodotti e servizi. Effettuare un sondaggio significa rivolgere agli utenti (via blog, Facebook o altri canali) una o più domande e raccogliere le opinioni. Immagina in questo caso di gestire un'agenzia turistica e chiedere ai tuoi potenziali clienti dove vorrebbero andare a Capodanno con il partner o la famiglia. Rispondere è già un primo passo per valutare successive offerte, che saranno tanto più mirate quante più risposte riuscirai a raccogliere con il sondaggio.

Bene, eccoci arrivati al termine dell'articolo. Prima di concludere questa rassegna, ti invito a iscriverti senza impegno al 1° Gruppo italiano dedicato alla crescita veloce della tua azienda. Affrettati.

 

Sei un Imprenditore?

Conosci il sistema che utilizzano le aziende per crescere velocemente?

Accedi ora GRATIS al WORKSHOP PMI SYSTEM

Close

85% Completato

Sei un imprenditore?

Conosci il sistema che utilizzano le aziende per crescere velocemente?

Accedi ora GRATIS al WORKSHOP PMI SYSTEM